lunedì 18 febbraio 2019

La maratona infinita di VINCENZA SICARI: “La cosa che mi manca di più è vivere e correre. Aiutatemi a capire da quale malattia sono affetta e a trovare una cura". CHI L’HA VISTO? le ha dedicato un servizio


ARTICOLO ORIGINALE: 

https://spettacolomusicasport.com/

Il calvario di Vincenza Sicari, 39 anni, ex maratoneta azzurra, ventinovesima alle Olimpiadi di Pechino 2008, che negli ultimi quattro anni ha girato oltre 30 ospedali italiani, paralizzata dal tronco in giù per una malattia degenerativa neuromuscolare mai diagnosticata, purtroppo non ha ancora avuto un lieto fine.
Quattro anni passati da un nosocomio all’altro, come se fosse un pacco postale che nessuno vuole ritirare, in un assurdo e inutile giro d’Italia, senza una diagnosi precisa per la malattia da cui è affetta, da alcuni medici addirittura fatta passare per “malata psichiatrica”, nonostante la diagnosi effettuata dal Professor Mariani dell’Istituto Sacco di Milano, che dopo aver sottoposto l’ex atleta a due biopsie muscolari ha confermato l’esistenza di una malattia degenerativa.
vincenza
Vincenza si trova all’ospedale di Frascati, a cui è stata trasferita dopo essere stata ricoverata per molti mesi a Padova senza essere sottoposta agli accertamenti e alle cure necessarie e dove le è stato addirittura fatto un Tso con la forza. Altre strutture italiane che sono state contattate si sono rifiutate di accogliere l’ex atleta.

STO MORENDO AIUTATEMI: DRAMMA PER L’ATLETA ITALIANA

venerdì 15 febbraio 2019

P$sichiatria...quando speri in un salvagente e ottieni una macina.


Produttore di apparecchi per l'elettroshock inserisce clausola di danno PERMANENTE al cervello

tratto da: https://www.facebook.com/comite.parechocs/

In seguito a una class action - ricorso collettivo - contro gli Stati Uniti, un produttore di apparecchi per l'elettroshock (TEC) ha inserito la clausola di "lesione cerebrale permanente".
 *** 
Suite à un recours collectif aux États-Unis, un fabricant d'appareils pour électrochocs (ECT) émet un avertissement de "lésion cérébrale permanente".

domenica 10 febbraio 2019

Storia di Antonia. Viaggio al termine di un manicomio - Pisa 21 febbraio ore 17



PISA GIOVEDI’ 21 FEBBRAIO 2019
 
c/o aula magna della Facoltà di Scienze Politiche in via Serafini 3 alle ore 17 il Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud organizza la presentazione di:

“Storia di Antonia. Viaggio al termine di un manicomio”

 di Dario Stefano Dell’Aquila e Antonio Esposito, edizioni Sensibili Alle Foglie
con la presenza degli autori

per info: Collettivo Antipsichiatrico Antonin Artaud

via San Lorenzo 38 56100 Pisa

antipsichiatriapisa@inventati.org

www.artaudpisa.noblogs.org / 335 7002669

sabato 9 febbraio 2019

Mozione: l'elettroshock non è cura medica - Intervista: Professore John Read e Dottoressa Sue Cunliffe

Un fotogramma del film "Metropolis" di Fritz Lang

ecco la registrazione del dibattito: Radio MIA
 
tratto da: https://www.madintheuk.com/

in relazione a questo articolo:
https://ilmanifesto.it/ 

Questa settimana su Radio MIA rivolgiamo la nostra attenzione alla Terapia Elettroconvulsivante (TEC) o Electroshock, nome con cui è conosciuto negli Stati Uniti. Mercoledì 19 settembre [2018], questo intervento toccante e controverso è stato discusso durante il 57° dibattito di Maudsley, tenutosi al Kings College di Londra.

E’ stata proposta la mozione: "Questa Assemblea crede che la TEC non abbia posto nella medicina moderna".

mercoledì 6 febbraio 2019

Episode 48 - The 57th Maudsley Debate: Interview with Professor John Rea...

Episode 1 Professor John Read on the epidemic of psychiatric overprescri...

Prof John Read talking about the over and unethical use of ECT and psych...

IL MITO DEL DISTURBO DA DEFICIT DI ATTENZIONE E IPERATTIVITA’

PISA MARTEDI’ 19 FEBBRAIO 2019
c/o BIBLIOTECA COMUNALE in Via S. Michele degli Scalzi 159
Alle ore 17 La Biblioteca Franco Serantini e il Collettivo
Antipsichiatrico Antonin Artaud
Presentano: “DIVIETO D’INFANZIA. Psichiatria, controllo, profitto.”
A cura di Chiara Gazzola e Sebastiano Ortu, edizioni BFS
Saranno presenti gli autori.
Per info: antipsichiatriapisa@inventati.org


Oggi a scuola sono sempre di più i bambini che hanno diagnosi psichiatriche, in particolare disturbo dell’adattamento, dell’attenzione, con iperattività, depressione, disturbo bipolare.
Sono sempre esistiti bambini timidi, burloni, pagliacci, bulli, aggressivi, timidi, e i cocchi della maestra; ed erano tutti considerati normali, senza che nessuno sapesse veramente cosa aspettarsi da loro.